Joey Purp -QUARTERTHING

Le capacità camaleontiche che dimostra in questo album Joey Purp sono spiazzanti. Ad un primo ascolto è difficile capire cosa si sta ascoltando per davvero. Spaziare in così tanti flow, basi e suoni è sinonimo di talento e opportunismo oppure un simbolo di poca concretezza e visione collettiva? Spazzati via i dubbi, quando la voce e la musica passano in cuffia per la seconda volta, è molto semplice arrivare alla conclusione. Lavoro eccezionale, ai limiti dell’impeccabile. Senza subirne l’urto si salta da chitarroni e batteria da band alla cassa dritta e bassi devastanti. Incredibilmente moderno. I testi parlano di una Chicago diversa dal quella Drill e caratteristica della nomea di Chiraq. Frasi semplici ma caratteristiche. Sogni e qualche racconto di vita non semplice. La, anche, innata capacità di rendere godibile parole sconclusionate in rima. Senza un vero significato. QUARTETHING rappresenta per il rapper classe 93′ un bel distacco dal passato artistico, un percorso simile a quello che è stato di Vince Staples con Big Fish Theory. Esperimento riuscito che lo colloca nel girone di chi ce l’ha fatta. Rap consistente e sperimentazione. Finalmente.

Tracce preferite: Hallelujah, Look at my wrist, Fessional/Diamonds dancing, Karl Malone.

Why Khaliq – Clearwater ep

Cercare qualcosa di nuovo in quello che si fa quotidianamente è sempre un apprezzabile sforzo. Un Ep con suoni diversi, dal carattere impulsivo è quello che Khaliq ha creato. Gioia per le orecchie. 5 tracce salvifiche. La capacità di intrattenere l’ascoltatore con salti tra vari flow e virate inaspettate genera curiosità e dipendenza. La sua voce, che colpisce anche ottimi acuti, si fonde con le produzioni. Un vestito su misura per il suo matrimonio musicale. I toni dei testi sono più leggeri e smorzano in parte quelli dei suoi classici lavoro, non scadendo però nella banalità (diktat del 2018). Banger, intro ricercato e un po’ di celebrazione. 13 minuti che scorrono via senza esitazione. I secondi e terzi ascolti vengono via come acqua. CLEARWATER, grazie Why Khaliq.

Tracce preferite: tutte le 5

Louis VI – SUGAR LIKE SALT

Stiloso. Anche un po’ “fighetto”. Se non si conosce il personaggio lo si potrebbe pensare. Il primo vero progetto di Louis VI trasuda jazz hip hop da tutti i pori. E non potrei esserne più felice. Ci troviamo in terra inglese, Londra la base dell’artista. L’album, ad onor del vero, è stato prodotto e registrato quasi interamente negli USA, nei pressi di LA e New York. Per le mie coordinate ci siamo. Ammalianti i suoni e gli strumenti adoperati. Non bisogna essere amanti del genere per apprezzare. Basta davvero solo quello che dei 5 sensi ci aiuta a poter ascoltarla, la sua musica. Mai banale. Un sorprendersi continuo, così come l’arte del jazz insegna. E le mille superfici della musica elettronica spiegano. A questo punto si può pensare che i testi non siano all’altezza, che il suo flow non sia altrettanto valido. Eppure non è così. Maturità invidiabile nei testi. Impegno sociale. Stile personale nel rap. Cavalca il tempo con la voce, è il suo strumento in più. Aggiunge collaborazioni che avvalorano e non coprono mai. Il titolo è un inno alla dualità della vita. Dolce come il sale. Come le due anime che si confrontano nell’ora di ascolto. Hip Hop e Jazz. Inghilterra e USA. Con più fantasia di quella che riesco a liberare io potete trovarne altre. La musica vi accompagnerà nel pensiero e non ne potrete fare a meno.

Tracce preferite: Thurgood, Jazz Got Me, Floatin, Poison Love.

Og lenguage https://www.dropbox.com/sh/smcmsza820rmgk5/AADdA96CtsY5H14gesXFIDzTa?dl=0

Vince Staples – big fish theory

Premessa, Vince Staples è probabilmente il mio artista preferito quindi farei fatica a parlarne male. Per fortuna so essere lo stesso molto giudizioso (anche umile). Se dicessi il miglior album Rap del 2017 probabilmente sbaglierei semplicemente perché è molto di più che Rap. È sperimentazione, è genio e soprattutto tanta voglia di dimostrare tutto se stesso con un messaggio chiaro e in maniera stilosa. L ‘album procede in maniera scorrevole e si divorano le 12 tracce. Le produzioni sono parte fondamentale al pari dei testi , che risulta come sempre di testimonianza e denuncia ma che lasciano spazio anche alla consueta dose di autocelebrazione colta. Nulla di classico è presente in questo disco, perfetto se volete qualcosa di nuovo e assistestere alla trasformazione di questo grandissimo artista.
Tracce preferite: 745, Big fish e Samo

 

Wiki — No Mountains In Manhattan

Bello, se fosse un quadro e gustoso se fosse un piatto di pasta. Un piacere davvero al primo ascolto come all’ennesimo grazie ad uno stile che si mescola in maniera perfetta tra nuovo e “vecchio” e che accompagna la capacità di coinvolgere l’ascoltatore di WIKI grazie ad un flow, che si potrebbe quasi dire, dinoccolato (dettaglio presente anche nelle accurate collaborazioni). Alcune basi infatti sono campionate, altre invece stringono l’occhio a più bpm, ma il risultato è sempre qualcosa di estremamente piacevole e coinvolgente. Testi che variano e raccontano come Manhattan sia piena di tanto da dire e di come si possano avere sensazioni opposte da una città quale New York.
Tracce preferite: NMIM, Mayor, Pretty bull.